giovedì 9 ottobre 2008

English For Dummies

Cliente assorto davanti allo scaffale delle guide turistiche. Dopo una buona decina di minuti passati in contemplazione mistica dello scaffale, si volta e si accorge della mia presenza (ebbene sì, sono una commessa, non sono qui a far la guardia al bancone) e mi fa: "Senta, cercavo una guida all'inglese"
Dopo un breve attimo di smarrimento, realizzo che forse il genio non sta cercando una Bentley col volante a destra, ma una guida di Londra, o dell'Inghilterra... Sembrerebbe l'interpretazione più logica, no? Ma si sa, per certa gente la logica non sembra essere una consuetudine. E infatti... "No no signorina, non voglio una guida della città" Uhm. E quindi? "Volevo... come si chiamano... una guida per l'inglese"
E qui, incredibile, gli anni di esperienza con i pazzi del manicom... ehm, con i clienti, mi hanno portato all'illuminazione: "Quindi sta cercando un corso d'inglese?" "Sì esatto! Brava signorina, una guida per imparare l'inglese!"
Ohhh, finalmente ce l'ha fatta. Ma dico io, prima dell'inglese non sarebbe meglio imparare l'italiano??? o__O

3 commenti:

  1. Ehm, giusto un'appunto... "non sono cui a far la guardia al bancone" suppongo volessi scrivere non sono QUI! :P
    A parte questo gran bel blog, mi stai facendo morire dalle risate :D

    Crys

    RispondiElimina
  2. aaargh mi era sfuggito il refuso orrendo!!! lo correggo subito :D
    grazie mille :)

    RispondiElimina
  3. e comunque tu hai scritto "un appunto" con l'apostrofo... ahi ahi ;)

    RispondiElimina

Affarino

Cliente: "Salve, prendo questi due libri" Io: "Benissimo" Cliente: "Senta, potrei chiederle un favore?" Io:...